A Grave With No Name – 23/04/2018 @ BlackMarket

UNICA DATA ITALIANA

PRENOTAZIONI NON APERTE
Per info: eventi@indieforbunnies.com

A Grave With No Name è il progetto del multi-strumentista e cantautore inglese Alexander Shields. Dopo 5 dischi marchiati da un distintivo art-rock dalle forti influenze dreamy e shoegaze nel gennaio di quest’anno è arrivato “Passover” il lavoro senza dubbio più vitale e poetico di Shields, 11 tracce che tracciano nuove, e a volte soprendenti, trame sonore.

Shields ha composto le canzoni di “Passover”, che lui stesso descrive come un insieme di ‘interlocking short-stories’, durante un soggiorno nella casa di famiglia dopo la morte di sua nonna – una casa che ha condiviso con lei per tutta la sua giovane età. Una presenza quasi spettrale si manifesta in tutto il lavoro, che inevitabilmente tratta temi come la mortalità dei propri cari e il ritorno alle proprie radici familiari, il conforto della religione e i continui tentativi di conciliare l’elementale con il domestico.

Se il precedente “Feathers Wet, Under the Moon” (2014) apriva lo studio ad un grande numero di collaborator (membri di Lambchop, Silver Jews, e il chitarrista William Tyler) “Passover” rifletta l’anima più intimista di Shields che per questo lavoro si affida all’amico di sempre Daniel Paton (batterista) e Ben Reed, bassista al fianco di Frank Ocean per i dischi “blond(e)” e “Endless”.

Shields crea meticolosi arazzi sonori arricchendo le sue doti e influenze cantautorali con ‘field recordings’ e suoni ambientali. Country-rock deformato ed alto tasso melodico (“By the Water’s Edge”, “Wreath”), folk scheletrico (“Hot Blood”, “Hunter”) solitarie ballate in punta di corda (“Wren”) rendono “Passover” non solo il punto più alto di un catalogo a nome A Grave With No Name già affascinante ma anche uno dei migliori dischi in ambito songwriter, e non solo, di questo 2018.