The Holiday Crowd – 20/03/2013

Mettete per un attimo da parte gli Arcade Fire.
Dimenticatevi anche solo per pochi minuti le enormi ‘comuni’ di musicisti che hanno generato classici dell’indie-rock anni zero (Broken Social Scene, Stars, Feist, Apostle Of Hustle) e ‘mostri sacri’ del post-rock (Godspeed You Black Emperor! su tutti ma anche Silver Mt Zion, Do Make Say Think).
Il Canada può essere tanto altro.

Da qualche parte, nascosti all’ombra dei grattacieli di Toronto, è infatti possibile trovare anche figli illegittimi della lontana Inghilterra. Eleganti musicisti svezzati a dosi massicce di Smiths, c86, Sarah Records, amanti di atmosfere romantiche e chitarre jangly.

Portabandiera di questa piccola comunità indie-pop sono sicuramente i THE HOLIDAY CROWD.

Il cantante Imra Haniff ‘cade’ nel chitarrista Colin Bowers ai tempi dell’high school, grazie ad una t-shirt degli Stone Roses. Nasce subito l’amicizia costruita soprattutto su identici ascolti e gusti musicali.
Ai due si uniscono successivamente il bassista Alex Roberts e il batterista David George Barnes. E’ il 2010, nascono i THE HOLIDAY CROWD.

Primo e ad oggi unico disco è “Over The Bluffs” assoluto gioiellino indie pop-rock che impone la band canadese all’attenzione degli amanti del genere e non solo.
Come loro stessi amano definirsi i THE HOLIDAY CROWD sono un gruppo di idealisti che vogliono ciò che tutti vogliono, tutto … nel modo più elegante ed educato possibile.

In attesa dell’album vero e proprio, che già immaginiamo traboccante delle più sottili delizie, le sette bellissime canzoni di “Over The Bluffs” scrivono una nuova pagina, pregnante e ispirata, dell’eterno romanzo smithsiano. Un capitolo nuovo nella storia di un sentimento che, a questo punto è una certezza, non smetterà mai di raccontarci chi siamo. Francesco GiordaniOndaRock

The Holiday Crowd – Pennies Found

The Holiday Crowd – Never Speak of It Again

The Holiday Crowd – Painted Like A Forest