The Late Call – 01/03/2013

The lights of this town somehow seem to calm me down
when the smoke fills my lungs slowly
and it sometimes becomes clear, everything just seems so easy
as if there was order in this chaos

“Keep The Calm”, THE LATE CALL

Dietro il moniker THE LATE CALL si nasconde Johannes Mayer, cantautore tedesco ma quasi sempre di stanza a Stoccolma.

Da subito accolto nel roster Tapete Records, ottima indie label di Amburgo che annovera tra le sue file gente del calibro di Lloyd Cole e Lacrosse, Johannes realizza nei primi due anni di attività del suo progetto, tra il 2009 e il 2010, due dischi (“Leaving Notes” e “You Already Have a Home”) che ne rivelano ad addetti ai lavori e appassionati di pop scandinavo il grande talento melodico.

Confronti e paragoni iniziano così ad accompagnare l’avventura di THE LATE CALL. Kings Of Convenience, Tunng, James Yorkston, M.Ward, i nomi più frequentemente accostati al songwriter tedesco.

Per chi invece ancora non conoscesse la musica di THE LATE CALL è quasi d’obbligo iniziare la scoperta da “Pale Morning Light”, ultima fatica realizzata (settembre 2012) e senza ombra di dubbio il migliore lavoro dell’intera discografia.
Johannes, per l’occasione tornato a registrare a Stoccolma insieme al fidato produttore John Roger Olsson, si concentra su strutture sonore più complesse, cura con maggiore attenzione i dettagli, scende più in profondità nel suo universo sonoro, confezionando immagini, sonorità, testi decisamente più maturi e al tempo stesso più suggestivi.

In tal senso “Pale Morning Light” appare più sperimentale rispetto ai dischi precedenti. Tuttavia ciò che rimane invariato è l’amore per la melodia, elemento che consacra Mayer nell’elite dei ‘raffinati cantautori pop’.

Le canzoni del cantautore hanno spesso una struttura complessa, cambiano di carattere ma sono sempre piene di piccolissimi dettagli tutti da scoprire. Rimane tuttavia un delicatissimo amore per la melodia (in certi passaggi ricorda i Kings of Convenience) e per l’immagine, in un disco in cui basta la sola e delicata “Look at You Now” a garantire il talento del giovane cantautore.FRIGOPOP

THE LATE CALL sarà in Italia per 3 date. Il tour italiano è presentato IndieForBunnies & Unplugged In Monti:

1 marzo @ Unplugged In Monti, BlackMarket, Roma
2 marzo @ La Mela Di Newton, Padova
3 marzo @ Unplugged In Biumo, Twiggy, Varese

The Late Call – Look At You Now

The Late Call – Fribourg

The Late Call – Cards On The Table